• Menu

Author - Arianna Lenzi

La strada verso casa

Ho passato gli ultimi mesi della mia vita a credere che casa fosse in ogni luogo in cui posavo gli ormeggi, in ogni pausa a scadenza. Casa era dove mi trovavo a costruire e dove avevo un appiglio, dove avevo un luogo in cui rifugiarmi in solitudine e un’alternativa al silenzio. Pensavo che fosse una mia particolare caratteristica, quella di trovare un contorno e...

L’emozione meno ragionevole

Ho sempre pensato che avere un piano B fosse l’unica certezza della nostra esistenza. Perché mentre tutto intorno il mondo muta, di secondo in secondo, sapere di avere una chance possibile, una via di fuga per ritrovare noi stessi, è qualcosa che mi ha sempre messo a tacere l’anima. Nel brulicare di domande, sapevo che qualcosa su cui contare ci sarebbe...

«È già divenuto la nostra casa lontana»

Mai come in questo periodo ho messo a fuoco che stare bene è tutta questione di accoglienze, e di prospettive. E allora ho iniziato a tenermi stretto chi mi rende felice a braccia aperte, chi mi apre le porte e chi si lascia guidare dalla bellezza del semplice stare insieme. Come la mia amica Miriam – che ho conosciuto quasi tre anni fa a Copenaghen, per una...

Vi racconto una storia d’amore

Era il 2016 quando sono riuscita a mettere a fuoco che, per la prima volta dopo tanti anni, ero libera di decidere. Era una sensazione strana: sentivo come se, improvvisamente, di fronte a me si fosse aperto un mondo fatto di mille possibilità diverse. Così ho iniziato a muovermi senza paure, smettendo di dire no o farmi problemi. Sono tornata a pensare che ogni cosa...

Africa Twin True Adventure 2018

Se avessi potuto scegliere gli ingredienti ideali per la creazione di un weekend perfetto non avrei di certo saputo fare meglio di così. Perché le 48 ore trascorse in compagnia di Honda, fra le colline toscane della provincia di Siena, sono state un’immersione totale in una realtà straordinaria. Che è finita troppo presto, ma ha lasciato il ricordo bellissimo...

Io credo nelle favole

«Io credo nelle favole». Perché affidarci alle emozioni ci rende adulti migliori

Ero appena tornata da un paio di ore all’aria aperta, l’altro giorno, quando ho realizzato che avrei voluto trascorrere quello che restava del pomeriggio rilassandomi sul divano. Ho acceso il computer, mentre fuori brillava ancora un sole tiepido, e ho provato la sensazione di aver davvero bisogno di un momento lento: mi sono messa comoda, mentre i titoli...

Saremo sempre liberi

Pensavo da tempo al momento in cui sarebbe successo: pensavo a come avrei vissuto poi, cosa avrei avuto il permesso – e la possibilità – di fare, ma non mi ero mai interrogata su quello che avrei provato durante, o prima che tutto si concretizzasse e diventasse realtà. L’anno scorso parlavo di come la libertà del lavoro a tempo determinato...

A un 2018 di viaggi

Quando torni da un viaggio come il nostro la testa ha bisogno di qualche momento per assimilare il rientro: il corpo ritrova la forma dei luoghi di casa, e il sonno si fa lento, ristoratore. Si riscoprono i sapori e gli sguardi conosciuti, ma la testa e il cuore ci impiegano un attimo di più a superare il temporaneo mutismo dettato dal cambiamento. È come se si...

Qui, e ora

Di essere diventato grande ti accorgi nei momenti in cui ti crei il silenzio. Negli attimi in cui, con la mente, proietti un’immagine e ti rendi conto che quello che hai visto non ha acceso emozioni, ma solo distaccata accettazione di quello che è stato. Quando guardi al passato per sbaglio, e ti rendi conto di non provare dolore, nostalgia, e soprattutto...

Il valore del lavoro, e della vita

Quando si è avvicinata la giornata stava finendo, ed era il momento in cui la coda dell’occhio finiva spesso sul piccolo orologio nella parte bassa del tabellone del binario 3. Avanzava con passo deciso, stringendo fra le dita la confezione di una maschera per capelli, e non ho potuto non notare la giacca verde che indossava. Era slacciata ed ampia, e le cadeva...