• Menu
dedicato-alle-donne-che-salvano-il-mondo

Dedicato alle donne che salvano il mondo

Mancano poco più di 48 ore all’inizio del Women Motors Bootcamp e io non posso che pensare a quanto sia straordinario il fatto che delle donne, da sole, siano state in grado di dare vita a un evento di questo tipo. A una macchina immensa che coinvolge centinaia di persone, luoghi, attività, emozioni e possibilità.

Vi avevo parlato dell’appuntamento a fine gennaio: allora era ancora possibile iscriversi, e voi avete risposto con grande entusiasmo. Un entusiasmo così grande che il WMBootcamp è andato sold-out a settimane dall’evento. Fra lo stupore, la gioia e, forse, anche un po’ d’incredulità generale.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Quanta energia ci vuole per creare un esercito pacifico di donne schierate a sostegno della forza e dell’indipendenza? Quanta creatività serve a creare un evento che ci inviti ad essere padrone del nostro destino (e della strada che abbiamo davanti?). TANTA, tantissima. È per questo motivo che vi aspettiamo, l’8-9-10 marzo, al #wmbootcamp. L’appuntamento è all’aeroporto di Verona Boscomantico dove, insieme, trascorreremo un weekend davvero speciale. Diffondendo nel mondo energia positiva, cambiamento e una dose massiccia di girl power 💪🏻💕 Scopri di più su questo appuntamento imperdibile seguendo le stories – e i profili – di @domitillaq , @ilariagelain e @theblondepipes. E iscriviti subito, prima che finiscano tutti i biglietti! Le attività previste sono decisamente interessanti ➡️✈️ 🏍 👩‍🏭 #wmbootcamp #officinevivaldi #motorcyclewomen #motorcycletravel #followyourdreams #capturedifferent #neverstopdreaming #motorcyclediaries #passionpassport #dreambigtravelmore #womenempowerment #girlswhoride #virginradio #sharedpassion #wearecoolbus

Un post condiviso da Arianna Lenzi (@labiondasullahonda) in data:

Dopo il Motorbike Expo di Verona, dove ho finalmente conosciuto le organizzatrici, Domitilla e Ilaria, ho riflettuto a lungo sul potere che abbiamo, noi donne, di creare comunità positive. Pensando, anche, a tutte quelle che hanno fatto la differenza nella mia vita, e quelle che mi hanno spinta a vincere il mio eterno scetticismo.

Fare squadra fra donne non è sempre facile

Spesso l’ho imparato a mie spese, prendendo delle gran cantonate e soffrendo moltissimo per abbandoni, solitudine e incomprensione. Poi, però, ho capito che il segreto era semplicemente di circondarsi delle persone giuste, e continuare per la mia strada. Scegliendo con chi dividere il percorso, e avendo il coraggio di lasciare indietro chi non mi aiutava a spiccare il volo.

Nonostante tutto, però, sono stata anche fortunata, perché la vita – a volte in modo rocambolesco – mi ha fatto conoscere persone speciali. Persone che non hanno solo fatto parte di un’esperienza, di un cammino o di un luogo da scoprire… Ma sono diventate parte della mia quotidianità.

Inizia tutto in viaggio

A dicembre del 2015 mi trovavo in Danimarca 🇩🇰, a Copenaghen. Mi ero incamminata a piedi, dal mio ostello, e avevo puntato verso l’acqua. Volevo raggiungere la celebre Sirenetta, e non potevo di certo immaginare che tutto avrebbe avuto un senso, che la vita avrebbe intessuto un fil rouge invisibile e che nulla sarebbe accaduto per caso. Davanti alla giovane creatura mezza donna e mezza pesce, seduta malinconica sullo scoglio, ho conosciuto una delle persone più importanti della mia vita. La mia amica Miriam, che nemmeno due mesi dopo mi avrebbe ospitata nella sua casa di Roma nel momento in cui mi trovavo nella Città Eterna per inseguire un grande sogno: quello di lavorare a Disneyland Paris, come avevo desiderato fin da bambina.

Sono stati giorni bellissimi, quelli trascorsi insieme a lei a Roma, e se poi sono stata assunta a Parigi, qualche mese dopo, forse lo devo un po’ a lei. Che anche oggi, ogni volta che ci sentiamo, mi ricorda di lottare per i miei sogni. Dicendomi che crede in me, e in tutto quello che provo. Ovunque questo mi porti nel mondo.

«Credo in te, nel tuo coraggio e nella tua determinazione».

Del mio amore sconfinato per la Ville Lumière, per le sue grandezze e i suoi limiti, vi ho parlato molte volte. Ma forse non vi ho mai raccontato della paura, delle aspettative e della curiosità che avevo quando, a dicembre 2016, sono partita per Parigi. Nelle valigie avevo infilato tutta la voglia che avevo di provare a rendere reale una fantasia, ma dentro di me avevo paura di rimanere delusa. E di scoprire che, quell’esperienza così desiderata, in realtà fosse ben lontana da quello che avevo immaginato.

Ovviamente le cose non sono andate così, perché anche questa volta sono state le persone (oltre al luogo) a fare la differenza.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Think of the happiest thing, is the same as having wings 🛫🇫🇷🏰🗼#disneylandparis #castmember #ifyoucandreamityoucandoit

Un post condiviso da Arianna Lenzi (@labiondasullahonda) in data:

Le donne che hanno salvato il mio, di mondo

Ogni tanto penso ai bei rapporti ho saputo costruire nel corso di questi ultimi anni, dopo tanta fragilità emotiva e amicizie deludenti, e penso che qualcosa di buono, allora, devo pure avere fatto. Un rapporto importante, anni fa, è finito proprio a Parigi infilandosi, senza guardarsi indietro, nella stazione Blanche del métro. Un altro, invece, è nato a qualche chilometro dalla città ed è stato nutrito con esperienze condivise, sogni ugualmente ambiziosi e tante, tante chiacchiere.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Mickey aussi peut faire du Rock’n Roll. #moodclose ⭐🕚 #disneylandparis 🏰 #castmember #ticketing 🎟

Un post condiviso da Arianna Lenzi (@labiondasullahonda) in data:

Insomma, in un modo o nell’altro, fra grandi scivoloni, mille ripartenze e infiniti cambi di programma, io sono ancora qui. Certa di poter contare sulle persone che hanno riempito la mia vita di bellezza, e mi hanno saputo regalare bontà e gentilezza quando più ne avevo bisogno.

Quindi grazie Anna, Albarosa, Marta A., Alessia e Marta L.

Grazie per avermi insegnato a credere di nuovo. Per avermi spinta ad aprire gli occhi, e a dare.

Il fiore che sboccia nelle avversità è il più raro e il più bello di tutti

È anche merito vostro se, oggi, difendo a spada tratta la femminilità in movimento. Se mi schiero sempre a favore delle squadre di donne che si impegnano, che sognano e hanno un messaggio importante da condividere. Perché l’unione è tutto quello che abbiamo per fare dei veri passi avanti, e per raggiungere obiettivi realmente importanti.

Perché, come direbbero le ragazze del WMBootcamp

«Alone you go faster. Together you go further»

Non smettete mai di crederci!

Ci vediamo venerdì 8, sabato 9 e domenica 10 marzo all’Aeroporto di Boscomantico, a Verona 💪



 

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *