Zaino Hurricane 15 di Enduristan - La bionda sulla Honda
  • Menu

Zaino Hurricane 15 di Enduristan

Lo zaino perfetto per tutte le avventure outdoor

Il fatto di essere una femmina spesso fuori dagli schemi mi è chiaro ormai da un bel pezzo. Nel mio armadio, infatti, le borse sono state quasi totalmente rimpiazzate da zaini di tutte le fogge, e il motivo è che odio avere le mani occupate. Stare scomoda è una cosa che detesto quasi quanto il possedere troppe cose, e non riuscire mai a sfruttarle veramente come vorrei. Per questo ho da tempo adottato uno stile di vita il più minimale possibile, e sono alla costante ricerca di prodotti che mi accompagnino in tanti momenti della vita, e in tante attività, rivelandosi versatili. E lo zaino Hurricane 15 di Enduristan va decisamente in questa direzione.

zaino Hurricane 15 di Enduristan
Il compagno di tante escursioni, insieme ai miei scarponcini in lana merino di Alvivo.

Sebbene sia stato concepito come zaino da moto, lo zaino Hurricane 15 di Enduristan si è rivelato, nel corso dei mesi, la soluzione perfetta per molti usi differenti. Adattandosi, per vestibilità, resistenza all’acqua, comfort e praticità, alle attività outdoor più disparate, non solo legate al mondo delle due ruote.

Indossato in moto, comunque, è realmente comodissimo: saranno gli spallacci larghi e il sistema di aggancio frontale (perfetto per distribuire i pesi), sarà la possibilità di regolarlo perfettamente per ogni volume e ingombro di abbigliamento indossato, ma non c’è una situazione nella quale non si dimostri un prodotto eccezionale.

Anche io, che sono molto piccola e devo sempre stringere al massimo spallacci e cintura, con lo zaino Hurricane 15 di Enduristan non faccio nessuna fatica a trovare la mia taglia. Se indosso una giacca da moto e il paraschiena, o una giacca da sci e il paraschiena, mi basta settare gli spallacci un po’ più lunghi, e allargare la cinta sulla vita. Quando sono solo in t-shirt, invece, faccio rientrare al massimo gli spallacci nella parte interna dello schienale, stringo la cintura e lo zaino è perfetto per essere indossato anche così. Rivelandosi non meno comodo, perché la parte posteriore è perfettamente sagomata per aderire alla schiena senza risultare fastidiosa, anzi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Queste terre, più di un secolo fa, si trovavano al confine con l’Austria: era importante e strategico, quindi, che fossero accessibili in caso di scontro. Che le montagne non fossero delle mete inavvicinabili, e che le valli sottostanti fossero collegate. Servì il lavoro delle truppe alpine e di quelle del Genio per aprire le strade militari, ma nel 1911 il Dosso dei Galli fu reso finalmente raggiungibile. Ci volle poco tempo, però, per dimenticare lo scopo per il quale si era tanto lavorato: una volta lasciata la Grande Guerra alle spalle, questa montagna tornò a farsi silenziosa. Vuota, non percorsa, e finalmente lontana dal conflitto. Fino al secondo Dopoguerra, quando fu la N.A.T.O a battere nuovamente la strada che da San Colombano arriva fino al Dos de Gai. Questa volta a dover transitare erano i mezzi pesanti, perché la Guerra Fredda era alle porte e quella montagna, così combattuta, sarebbe stata una delle 49 stazioni della cintura elettromagnetica che avrebbe permesso alla N.A.T.O di inviare comunicazioni criptate e dati in tempo reale, tramite il traffico radio del sistema ACE High System. Era il 1969, e il segnale Troposcatter viaggiava fra le Isole Faroe, Norvegia, Groenlandia, Alaska, Canada, Stati Uniti e poi giungeva qui, nel cuore delle Prealpi. Grazie al lavoro di due enormi parabole a mosaico, costruite a quasi 2200 metri di quota, la N.A.T.O ha ascoltato il mondo per 30 anni, prima che la base – nome in codice IDGZ – venisse improvvisamente smantellata. #historyinpictures #dossodeigalli #basenatodossodeigalli manivaski #maniva #enduristan #enduristanhurricane #fattistorici #snowadventure #bresciatourism

Un post condiviso da Arianna Lenzi (@labiondasullahonda) in data:

Perché scegliere lo zaino Hurricane 15 di Enduristan

  1. Le sue cerniere saldate garantiscono il 100% dell’impermeabilità
  2. La capienza da 15 litri lo rende uno zaino perfetto per le escursioni di una giornata, ma anche per i viaggi più lunghi. In moto è utilissimo per avere sempre a portata di mano (e con sé) le cose più importanti e preziose (documenti, denaro, macchina fotografica)
  3. Ha comode tasche interne e un moschettone per attaccare le chiavi, in modo da averle sempre a portata di mano e non perderle
  4. Sei in viaggio e hai bisogno di nascondere del denaro, o una carta? Lo puoi fare, grazie alla piccola tasca segreta posizionata sulla schiena. Realmente invisibile, se non si sa che c’è, è il luogo più sicuro del mondo per i tuoi valori.
  5. È predisposto per alloggiare due borracce, sui lati, ma anche per ospitare la sacca Hydrapak. Questa si inserisce in una tasca apposita, sulla schiena ma esterna allo zaino, e il tubicino viene fatto passare su una spalla. Comodissima e realmente indispensabile quando si viaggia in climi caldi, o quando si sta facendo trekking.
zaino Hurricane 15 di Enduristan
Foto di Enduristan
zaino Hurricane 15 di Enduristan
L’Hydrapak contiene fino a 3 litri di acqua ed è praticissimo da usare insieme allo zaino Hurricane 15 di Enduristan

Insomma, lo zaino Hurricane 15 di Enduristan è ormai da mesi un alleato quotidiano indispensabile. Che sono sicura mi accompagnerà ancora a lungo, e continuerà a rivelarsi prezioso in città, in sella alla mia moto e sui sentieri di montagna più impervi.

Maniva Ski

Caratteristiche tecniche

  • Spallacci completamente regolabili
  • Cintura in vita regolabile con agganci per borse accessorie (Add Pack)
  • Robusta tasca esterna a rete con chiusura a velcro
  • Porta oggetti elastico esterno
  • Numerosi agganci per oggetti extra
  • Tasca segreta
  • Tasca indipendente per sistema idrico di 3 litri Hydrapak®
  • 4 cinghie di compressione
  • 2 tasche porta bottiglia laterali
  • Velcro per pacth personalizzata
  • Cinghie addizionali per collegare un XS Base Pack
  • Scritte riflettenti per maggior visibilità (sul fronte e sul retro)
  • Tasca interna per tablet
  • Tasca interna a rete
  • Porta documenti interno con porta penne, cerniera e porta chiavi con logo
  • Lavabile e facile da pulire
  • Costruito per durare

Avete mai provato uno zaino da moto, e se sì, quale? Sono curiosa di scoprire cosa ne pensate! 🎒

Superate i miei 163 centimetri di altezza e vorreste uno zaino un po’ più grande? Sappiate che di Enduristan esiste anche lo zaino Hurricane 25!

Qui avevo in spalla l’Hurricane 25, durante un giro in offroad sulle colline romagnole

 

Articolo realizzato in collaborazione con Enduristan



 

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *